In Italia più codisti e più disoccupati seguiti da un tutor

Giovanni Cafaro

Giovanni Cafaro

Chi non ha mai sognato una sorta di ‘alter-ego’ che vada a pagare le bollette per lui, in coda, magari per ore, o che faccia la fila alla posta per ritirare i soldi della pensione? Da un anno e mezzo tutto questo non è più solo un sogno, ma una vera e propria professione: il codista. Esatto, avete capito bene: il codista, ovvero “colui che fa le code per gli altri”. Ad aver inventato questo lavoro è stato Giovanni Cafaro, giovane imprenditore, con tanta voglia di sperimentare e con la sicurezza che la sua ideazione non sarebbe stata fine a se stessa. Ed è andata proprio così. Da quando il primo codista entrò alla posta per pagare la bolletta del gas ad un’anziana signora, Cafaro si ritiene soddisfatto dei risultati raggiunti. «Dopo tanti sforzi iniziali per avviare questa professione adesso ho più di 60 iscritti ai miei corsi, che svolgo esclusivamente via Skype», ci racconta Giovanni, e aggiunge: «Ora il codista non si mette soltanto in coda al posto degli altri, ma svolge svariate commissioni; dalle più banali a quelle un po’ più impegnative. Ci sono sempre più persone interessate ad imparare il mio lavoro». Giovanni ci spiega che, infatti, la sua professione sta prendendo sempre più piede a livello nazionale. Ogni giorno riceve richieste di iscrizioni ai suoi corsi sia da parte di impiegati nei caf, che in aziende pubbliche e private.

volantino

volantino

«Ad oggi una decina di miei studenti hanno trovato lavoro a tempo determinato, assunti con il contratto collettivo nazionale dei codisti», afferma l’imprenditore, e spiega: «Un buon codista deve, anzitutto, avere tanta calma e tanta pazienza. Ma queste due qualità non sono sufficienti per poter essere assunti. In questo lavoro se non sei una persona seria, affidabile ed onesta non puoi di certo aspirare ad un’occupazione». E, infatti, basta pensare al fatto che i dirigenti affidano ai codisti denaro e pratiche riservate per cui la serietà e l’affidabilità sono caratteristiche indispensabili per lo svolgimento di questo lavoro. Inoltre, i codisti devono anche essere informati sull’orario di apertura di uffici e sportelli, eventuali scioperi o chiusure eccezionali, ed hanno bisogno di sapersi muovere rapidamente nel centro città. Insomma, non è un lavoro per tutti!

In termini di stipendio, Cafaro ci spiega che il codista viene pagato dieci euro l’ora, indipendentemente dal tipo di servizio effettuato, Iva esclusa. Opera soltanto su Milano ma, qualora ricevesse richieste da fuori centro città, sarebbe disponibile a spostarsi dietro pagamento maggiorato per le spese di carburante, autostrada, eccetera.

Il tutor dei disoccupati

Giovanni Cafaro non è solo un codista. E’ anche tutor dei disoccupati. Questa professione non è nuova, ma in Italia è davvero poco conosciuta. «Riguardo i tanti disoccupati che oggi, magari anche in età avanzata, fanno domanda per poter essere di nuovo assunti, mi sono detto: Perché non dargli supporto? Perché non aiutarli ad essere, di nuovo, potenziali professionisti? Non solo economicamente, ma anche, e soprattutto, moralmente». Tramite la sua associazione autonoma, ‘Sinclado’, Cafaro si occupa di far conoscere le ultime iniziative della professione e raccogliere donazioni a fondo perduto libere da destinare ai disoccupati lombardi e per finanziare novità imprenditoriali. «Ho diversi disoccupati che si sono rivolti a me, disperati. In media hanno tra i 30 ed i 60 anni, sono diplomati e laureati e lavoravano in medie e piccole aziende. Spero che, con il mio supporto, possano almeno riacquistare fiducia in loro stessi».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...