Quello che non ti aspetti. Realtà poco conosciute a due passi da casa

da un piccolo gazebo coperto di foglie

da un piccolo gazebo coperto di foglie

Vi è mai capitato di scoprire posti magici, caratteristici, e, come si suol dire, “un po’ fuori dal mondo” a pochi minuti da casa vostra? Ecco, a me è accaduto proprio questo durante una fresca serata d’estate. Pruno è un piccolissimo paesino di montagna, conta circa 190 abitanti. Tra le montagne stazzemesi, a pochi chilometri da Seravezza, in provincia di Lucca, è una piccola meraviglia in mezzo alla boscaglia. Le sue stradine strette ma ben tenute, i piccoli gazebi sparsi per il paesello e le antiche casette di sasso conferiscono a Pruno un’aura davvero magica e particolare.

incisione su pietra della data di apertura del forno

incisione su sasso della data di apertura del forno

Niente negozi; nel paesino c’è solo una panetteria, aperta dal 1637, una chiesina, un ostello, ed una piccola ma eccellente osteria. Al contrario delle grandi città, il piccolo centro dorme quasi sempre d’estate e si rianima d’inverno: il 24 dicembre ed il 5 gennaio, in occasione delle vigilie di Natale e dell’Epifania. Per festeggiare la nascita di Gesù bambino, gli abitanti danno vita ad uno splendido presepe vivente tra le stradine che a zig-zag attraversano il paese. A pochi chilometri dalla piccola realtà montagnina, passeggiando nella natura, tra flora e fauna, si arriva al mulino del frate e alla cascata dell’acqua pendente. DSC_0095Veri e propri reperti storici non racchiusi tra le mura di un museo, ma visibili in mezzo alla natura. Un vecchissimo ponticello, risalente al periodo romanico, ma recentemente restaurato, rende ancora più importante, raro, ed antico questo splendido paesaggio. D’estate, da Pruno, si può ammirare un emozionante ed unico solstizio d’estate quando il sole riesce perfettamente ad incastrarsi nell’apertura del monte Forato. Uno spettacolo eccezionale ed imperdibile, accompagnato da concerti, spettacoli di strada, incontri con scrittori e storici contornati da assaggi degli eccellenti prodotti tipici. Non solo paese caratteristico e speciale; Pruno è anche realtà ecostenibile.

tra le stradine di Pruno

tra le stradine di Pruno

Il Comune di Stazzema lo ha scelto, insieme a Volegno, per avviare un progetto sperimentale di teleriscaldamento a biomasse vergini grazie ad un impianto che brucia le riserve di legname, dopo che le ha ridotte in cippato, per rifornire la comunità di acqua calda a costi nettamente inferiori rispetto a quanto gli abitanti erano costretti a pagare precedentemente. Non solo risparmio economico, ma anche una boccata d’aria per l’ambiente, così puro e vergine, dato che l’impianto è stato progettato per ridurre le emissioni di gas serra. 

campanile

campanile

Pruno è conosciuta a livello locale ma solo a pochi turisti verrebbe in mente di percorrere chilometri di strada per visitare un paesino di 190 abitanti. Spesso, quando si viaggia, si passa la maggior parte del tempo nelle più conosciute mete turistiche. Ecco, a volte bisognerebbe cambiare idea; non partire già con una pianificazione perfetta di cosa vedere e cosa lasciar perdere, ma lasciare che i piani cambino, per scoprire le piccole bellezze che questo mondo ci riserva. Pruno è un po’ questo, è la piccola realtà nascosta che non ti aspetti.

avviso

avviso

E come poche realtà inaspettate, da questa foto a destra si può dedurre che qua Internet non è all’ordine del giorno! 😀

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...